Cosa vuol dire esattamente strategia di marchio


Se si discute del marchio, tutto gira attorno alla parola strategia di marchio. Ma che cosa è la strategia di marchio? Come si comporta nell’attuale dinamica dei mercati e quale effetto ha su prodotti, servizi, clienti e sull’azienda stessa?

Una strategia di marchio indica la strada per acquisire nuovi clienti tramite il marchio, oppure per ottimizzare il potenziale già esistente dei clienti. Nel dettaglio, la strategia del marchio descrive gli approcci creativi, sociali e morali per sviluppare la clientela che contribuisce ad aumentare il valore dell’azienda.

Lo sviluppo di un cliente richiede una pianificazione strategica. Questo sviluppo è la parte più importante di una strategia del marchio e ne rispecchia la grande importanza.  La strategia del marchio unisce azienda e cliente in un contesto comune, già dal loro primo contatto. Essa descrive la strada da percorrere insieme, lo sviluppo di entrambe le parti.

Cosa fa parte di una strategia del marchio?

Per essere effettiva, la strategia di marchio considerare i seguenti elementi:

Creazione di valore aggiunto

La strategia di marchio deve contribuire alla creazione di valore aggiunto e sviluppare nuovi elementi del processo di creazione di valore aggiunto. Deve raggiungere il cliente al di fuori del rapporto quotidiano e dell’influenza dei concorrenti.

Innovazione

La strategia del marchio contribuisce ad un’innovazione continua, crea un nuovo ambiente per i clienti ed accende la visione del valore che i clienti possono acquisire nel futuro dell’azienda.

Piattaforma

La strategia di marchio deve rappresentare una piattaforma; da essa nascono nuove possibilità per i clienti già esistenti ed allo stesso tempo viene generato il potenziale per nuovi clienti.

Co-creazione

La strategia di marchio è un’iniziativa che libera i clienti dall’attuale situazione di mercato, dalle illusioni e dalle paure che bloccano i bisogni. L’energia dei clienti accresce l’energia del marchio.

Sviluppo cultura

La strategia di marchio deve generare una cultura aperta,  una nuova cultura di crescita nella quale, favorendo l’iniziativa, si trasmettono nuove conoscenze per promuovere il cliente ad un nuovo livello. Da questa situazione si apre per l’azienda un nuovo, vantaggioso mercato.

La direzione della strategia di marchio viene stabilita dalla missione, che contiene anche una visione, che risulta dalla capacità di vedere il futuro con gli occhi del cliente.

Molti marchi non hanno una strategia definita

Esiste un gran numero di marchi nel mondo, non tutti seguono una strategia chiara e definita. Molti marchi, promossi da forti campagne pubblicitarie, sono diventati essi stessi venditori stilizzati. Questi marchi sono creature sintetiche di marketing e logistica. Sono parte di un pacchetto. Purtroppo, convinzione e forza di persuasione non bastano per fare una strategia.

Le aziende possono attuare anche strategie negative

Certe aziende seguono una strategia di marchio che mira a limitare o possedere il cliente invece che a formare il cliente ed aiutarlo a diventare un partner pro-attivo. In questi casi si parla di strategie negative di marchio. Nella maggior parte dei casi, queste aziende seguono un’illusione e cercano, con metodi medievali, di avvicinare clienti. Questa strategia per il marchio segue il proposito di mantenere debole il cliente perché l’azienda stessa, essendo priva di strategie, non è in grado di relazionarsi con clienti pro-attivi. In queste aziende tale tattica viene purtroppo applicata anche ai collaboratori.


About this entry